Matera: dove dormire e dove mangiare, spunti letterari e cinematografici (di Barbara Garavaglia*)

Matera: dove dormire e dove mangiare

B&B Il Vicinato, piazzetta San Pietro Caveoso
Ubicato nel cuore del Sasso Caveoso, questo bed & breakfast è costituito da una camera e da un mini appartamento con ingressi indipendenti, all’interno di una abitazione posta al primo piano di un antico palazzotto realizzato intorno alla fine del Seicento, recentemente ristrutturato. La colazione, ottima e ben curata, è servita in un locale dell’appartamento dei proprietari, Teresa e Luigi. La signora Teresa, saprà con garbo, competenza e affabilità consigliare riguardo agli itinerari e ai luoghi da visitare.

© Barbara Garavaglia

La talpa, via Fiorentini
Locale noto in città per la buona cucina, è in un contesto tipico e suggestivo. In estate è possibile consumare i pasti in una piazzetta dalla quale si può ammirare la città. Propone anche la pizza cotta in forno a legna.

Taverna La Focagna, Recinto 1 Domenico Ridola
In estate questa taverna offre la possibilità di mangiare all’esterno, lungo una delle strade del passeggio. Il locale si sviluppa sotto terra. Menù semplice e piacevole.

Matera nei film
: da Pier Paolo Pasolini a Mel Gibson

La città ha fatto da sfondo per diversi film. Tra questi Il Vangelo secondo Matteo di Pier Paolo Pasolini (1964)
, Il sole anche di notte dei fratelli Taviani (1990), 
La passione di Cristo di Mel Gibson (2004)
, Basilicata coast to coast di Rocco Papaleo (2010), 
Sorelle, serie tv di Cinzia Th. Torrini (2017).
La Basilicata e Matera sono state descritte da Carlo Levi nel noto Cristo si è fermato a Eboli, pubblicato da Einaudi nel 1945. Furono proprio il romanzo di Levi e la sua testimonianza diretta a far scoprire all’opinione pubblica le condizioni di vita dei contadini che abitavano nei Sassi, diventati insalubri e inospitali.

(*) "Donna, sposa e giornalista, con una laurea in Architettura nel cassetto. Vivo a Lecco. Mi piace camminare per i sentieri e vorrei viaggiare più di quanto riesca a fare".

Leggi anche:
Matera: la città scavata nella roccia (di Barbara Garavaglia*)

Nessun commento ancora

Lascia un commento