Archivio mensile : ottobre 2017

Halloween 2017: “Avventure da brivido” con il FAI

29.10.2017 - 01.11.2017 Avventure da brivido Dal 28 ottobre al 1° novembre i Beni FAI diventano il palcoscenico ideale per vivere avventure da brivido insieme a tutta la famiglia. Mura merlate, antiche torri, labirinti settecenteschi aspettano i più coraggiosi con racconti misteriosi, storie di fantasmi, laboratori di travestimenti e tanto altro! ® riproduzione vietata Leggi…
Per saperne di più

Ha aperto i battenti il 16 ottobre (e chiuderà il 18 febbraio 2018) a Milano a Palazzo Reale la mostra "Il mondo fuggevole di Toulouse-Lautrec". L'esposizione è organizzata dalla città di Milano e il museo Toulouse-Lautrec di Albi (Francia) ha concesso in prestito 16 opere per la mostra monografica, che si avvale pure della collaborazione dell’Istituto Nazionale di Storia dell’Arte INHA di Parigi.

© www.pennaevaligia.it

L'esposizione è anche l'occasione per andare alla scoperta della città di Albi che diede i natali a Toulouse-Lautrec (nasce il 24 novembre 1864, da una famiglia della più antica nobilità della provincia) e che oggi conserva una ricca collezione delle sue opere.

La mostra di Milano: orari e biglietti

ORARI Lun: 14:30 - 19:30; Mar: 09:30 - 19:30; Mer: 09:30 - 19:30; Gio: 09:30 - 22:30;
Ven: 09:30 - 19:30; Sab: 09:30 - 22:30; Dom: 09:30 - 19:30
BIGLIETTI Intero € 12 / Ridotto € 10 studenti, gruppi, over 65, disabili, Card Musei Lombardia Milano e convenzioni / Ridotto scuole € 6 (valido anche per gruppi organizzati da Touring e FAI) / Famiglie adulto € 10, ragazzi € 6 (per 1 o 2 adulti + ragazzi da 6 a 14 anni) (*audioguida inclusa)

Albi: alla scoperta della città natale di Toulouse-Lautrec tra arte e enogastronomia

© www.pennaevaligia.it

La mostra milanese è l'occasione per scoprire la città di Albi, situata nel Sud-Ovest della Francia, in prossimità di Tolosa, tra la Provenza e la regione di Bordeaux. Escludendo Parigi, è l’unica città francese iscritta in due liste distinte dell’UNESCO: il Patrimonio mondiale e la Memoria del mondo.

Percorrendo le strade del centro storico a piedi, in trenino o navigando sul fiume a bordo di una “gabarre” (tipica imbarcazione a fondo piatto), i must see sono la Cattedrale di Santa-Cecilia, il Palazzo della Berbie, il Pont-Vieux, la Collegiata di Saint-Salvi, i numerosi musei e i tanti monumenti emblematici della Cittadella episcopale, classificata patrimonio dell’UNESCO.

Questa zona è molto interessante anche dal punto di vista eno-gastronomico con l’anatra e l’oca da degustare in mille modi: Foie-gras, fresco o cotto, magret (petto cucinato al vino), confit (carni cotte e conservate nel loro stesso grasso)… o semplicemente
arrosto. Il vino tipico è il Gaillac.

Il museo di Toulouse-Lautrec: nel Palazzo della Berbie una delle più importanti collezioni pubbliche al mondo

PH. credit Ville AlbiIl Palais de la Berbie - grandioso palazzo episcopale fatto costruire nel corso del Medioevo, anteriore alla cattedrale e al Palazzo dei Papi di Avignone e uno dei monumenti meglio conservati di Francia - diventa nel 1922 il museo Toulouse- Lautrec e ospita la ricca collezione dell’artista donata alla città di Albi dalla madre, la contessa Adèle.

Alla morte del pittore, avvenuta nel 1901, la maggior parte delle opere si trovavano nel suo atelier. Sua madre, spinta dal desiderio che non venissero disperse, volle donare tele e disegni ad un’istituzione pubblica affinché la memoria del figlio tanto amato potesse essere immortalata e si indirizza alla città di Albi.

L’inaugurazione è avvenuta il 30 luglio 1922. Ad arricchire la collezione fin dagli inizi sono state alcune opere acquistate e donate dalla «Società degli Amici del Museo», facendone una delle piu’ importanti collezioni pubbliche al mondo del pittore Henri de Toulouse-Lautrec. I lavori di ristrutturazione del museo, avviati dal 2001 al 2012, hanno consentito di rinnovare l’approccio alle collezioni e di creare gli spazi necessari allo sviluppo scientifico e culturale del museo, come un auditorium, una sala-laboratoriro didattico, un centro di documentazione e spazi per mostre temporanee di 470 m².

Museo Toulouse-Lautrec,
Palais de la Berbie, BP 100,
81003 Albi cedex France
Tel: + 33(0)5 63 49 48 70
conservation@museetoulouselautrec.com
www.musee-toulouse-lautrec.com

Le offerte “all-inclusive” dell'ufficio del turismo di Albi

L'ufficio del turismo di Albi ha messo a punto una serie di offerte “all-inclusive”. La formula comprende: una notte + colazione in albergo, un “albi city-pass”, una cena “gourmet” in un ristorante albigese.
Per info e prenotazioni:
accueil@albitourisme.com
www.albi-tourisme.fr
www.france.fr

® riproduzione vietata (articolo scritto in collaborazione con Atout France)

Leggi anche:

Itinerari a Milano: piazza Duca d’Aosta, Porta Nuova Garibaldi e il centro
Itinerari a Milano: l’Ambrosiana con il Codice Atlantico e il Castello Sforzesco con la Pietà di Michelangelo

Costa Azzurra in versione autunnale? Bien sûr!

Parigi in quattro giorni
Lisbona in tre giorni
Praga in tre giorni
Berlino in tre giorni
Amsterdam in tre giorni
Londra in quattro giorni

 

 

 

 

Il rifugio Riva in Valsassina: la magia dei colori d’autunno

Una passeggiata verso il rifugio Riva in Valsassina è un'ottima idea per una bella e calda giornata d'ottobre. Ma i piani di Nava sono anche il luogo ideale per ammirare il foliage autunnale. La partenza è l'abitato di Pasturo (sopra Lecco) in località Baiedo, la durata è assolutamente alla portata di tutti (poco più di…
Per saperne di più

Costa Azzurra in versione autunnale? Bien sûr!

E’ vero, è famosa come località per l’estate, ma anche in autunno la Costa Azzurra è una meta splendida, facile da raggiungere dall'Italia e offre tantissime opportunità in un momento dell’anno in cui il clima è ancora caldo e le giornate sono ancora lunghe. Prima dei suggerimenti su cosa fare e cosa vedere in questa…
Per saperne di più

Mantova e Sabbioneta: dalla famiglia Gonzaga a patrimonio dell’Unesco

Dal 2008 Mantova e Sabbioneta in Lombardia sono state inserite nel patrimonio dell'Unesco perchè "offrono una testimonianza eccezionale delle realizzazioni urbane, architettoniche e artistiche del Rinascimento". Alla base c'è il comun denominatore rappresentato dalla famiglia Gonzaga che, nel caso di Mantova, ha rinnovato una città esistente; per Sabbioneta, invece, venne progettata la città ideale secondo…
Per saperne di più

Sabbioneta: la città ideale di Vespasiano Gonzaga

Sabbioneta, patrimonio dell'Unesco con la vicina Mantova, condivide con la città di Virgilio il legame a doppio filo con la famiglia Gonzaga. Sabbioneta in particolare è una creazione di Vespasiano Gonzaga che la pianificò avvalendosi della sua personale esperienza di architetto militare e degli studi dei più moderni trattati di urbanistica ed ingegneria militare, una…
Per saperne di più

Villa dei Tigli: vicino a Mantova relax e ottima cucina

Una "smart box" in regalo è stata il pretesto per visitare la città di Mantova durante un fine settimana di inizio autunno. Per dormire abbiamo scelto Villa dei Tigli a Rodigo, poco distante (quindici chilometri, circa 20 minuti) dalla città di Virgilio e dei Gonzaga. Questa struttura in stile liberty in origine apparteneva a una…
Per saperne di più