La Sacher: la torta al cioccolato per eccellenza

E' uno dei simboli di Vienna conosciuti nel mondo: è la Sacher torte, prelibatezza di cioccolato farcita di marmellata e coperta di glassa. Non c'è caffè della capitale austriaca che non prepari la Sacher, ma questa torta ha anche il suo "tempio" e cioè il Caffè Sacher dove gustarla e acquistarla.

© www.pennaevaligia.itCome molte altre storie, anche quella della nascita della Sacher Torte è dovuta al caso. Pare che per una cena nel 1832 il famoso statista principe Metternich abbia chiesto un dessert da favola per i suoi ospiti.

Peccato che il suo chef fosse malato per l'importante appuntamento. L'apprendista dello chef - che aveva solo sedici anni - dovette così affrontare l'arduo compito di preparare un dolce strabiliante. Il suo nome era Franz Sacher e quella sera preparò una torta al cioccolato morbido morbido con marmellata di albicocche e glassa per gli ospiti di Metternich.

Dopo aver completato il suo apprendistato, Franz è diventato un cuoco pienamente qualificato ed è passato a preparare quel suo felice esperimento su larga scala. Ebbe un grande successo e presto quella torta preparata dal signor Sacher divenne molto richiesta: iniziava così la straordinaria "carriera" del più famoso dolce al cioccolato al mondo. Il figlio di Franz, Eduard, ha aperto poi a Vienna l'Hotel Sacher nel 1876, ma questa è un'altra storia.

© www.pennaevaligia.itSe vi vien voglia di comprarne una (da 14 euro per la monoporzione a circa 50 per la versione più grande) non preoccupatevi per il trasporto: viene confezionata in un cofanetto di legno che consente di trasportarla sino a casa assolutamente intatta ed è un'ottima idea regalo (così come le celebri palle di Mozart, gradevoli cioccolatini disponibili anche nella versione tavoletta di cioccolato).

Se volete cimentarvi con la torta Sacher, a questo link trovate la ricetta. Buon lavoro!

® riproduzione vietata

Leggi anche:
Vienna in tre giorni
Vienna: istruzioni per l’uso (come arrivare, dove dormire e come spostarsi)
Vedere Klimt a Vienna: la Secessione, il Belvedere, il Leopold Museum
#sapevatelo come risparmiare a Vienna in quattro mosse

Nessun commento ancora

Lascia un commento