Isole Tremiti: San Domino, Lucio Dalla e il tour delle coste

Dall’isola di San Nicola potete arrivare all’isola di San Domino con una delle tante imbarcazioni che fanno la spola per 5 euro. Oppure potete acquistare il biglietto da 20 euro che, in aggiunta, costeggia le varie isole e permette di fare il bagno in mare aperto.

© www.pennaevaligia.it

Ho scelto questa seconda opzione per vedere le coste e le spiagge accessibili solo dal mare, entrare nelle celebri grotte e osservare alcune famose formazioni rocciose come l’elefante e la tartaruga.

L'elefante e la tartaruga © www.pennaevaligia.it
Il faro © www.pennaevaligia.it

Poi mi sono fermata per pranzare a San Domino che è l’isola più turistica, scoperta più tardi (negli anni Sessanta) grazie al Touring Club Italiano che qui ha una sede e alcune strutture. Ma è anche l’isola scelta da Lucio Dalla come buen retiro e fonte di ispirazione.
Una volta arrivati al porto è possibile prendere una navetta oppure avviarsi a piedi lungo la strada che porta alla pineta: è una passeggiata non troppo faticosa e breve. In alto si trovano subito alcune case e strutture alberghiere. Ma il meglio è più avanti, lungo la strada sotto i pini di Aleppo, che conduce al villaggio: qui troverete ristorantini, casette a un solo piano, un paio di negozi di alimentari.

Una banda di giovani pescatori alle Isole Tremiti © www.pennaevaligia.it

La mia giornata termina con il passaggio da San Domino a San Nicola per poi prendere il traghetto delle 16.30 che verso le 18 attracca a Peschici. Me ne sto tutto il tempo sul triangolo di prua con una maglia a maniche lunghe e un foulard per proteggermi dal vento e dal fresco della sera. E' stata una giornata da 22.000 passi ma le Isole Tremiti meritavano di essere percorse in lungo e in largo, via terra e via mare. E anche uno sguardo su Peschici dal mare con il cielo a pecorelle riempie di gioia e di pace.

© www.pennaevaligia.it

® riproduzione vietata, settembre 2021

Leggi anche:

Isole Tremiti: natura e storia a San Nicola

Peschici, il borgo marinaro abbarbicato sulla roccia
Peschici: dove dormire e dove mangiare

Venezia in quattro giorni

Trani e Castel del Monte: la Puglia dei castelli di Federico II
Peschici, il borgo marinaro abbarbicato sulla roccia

Sicilia: Palermo, le sue spiagge e i dintorni
Sicilia: la costa nord-occidentale fino ad Agrigento

Mantova e Sabbioneta: dalla famiglia Gonzaga a patrimonio dell’Unesco

Matera: la città scavata nella roccia (di Barbara Garavaglia*)

Nessun commento ancora

Lascia un commento