In Toscana tra Pisa, San Miniato, Lucca e la Certosa di Calci (seconda parte)

Una giornata in auto nei dintorni di Pisa inizia a San Miniato, borgo medievale e stazione della Via Francigena, per proseguire - con un cambio di programma - a Livorno, alla scoperta del quartiere Venezia Nuova per terminare alla splendida Certosa di Calci. A Lucca arriviamo la mattina dopo, sotto la pioggia dopo due giorni di tempo splendido: un vero peccato...

San Miniato: borgo medievale, stazione della via Francigena
e patria del tartufo bianco

Sulla cima del colle su cui sorge San Miniato, si staglia la Rocca di Federico II. Oltre ad essere noto per la sua struttura medievale e per essere una stazione della Via Francigena, San Miniato ospita la Mostra Mercato nazionale del tartufo bianco il secondo, terzo e quarto fine settimana di novembre.

© www.pennaevaligia.it

Livorno: la Venezia Nuova e la Terrazza Mascagni

Da San Miniato scendiamo a Livorno per il pranzo e per vedere il quartiere di Venezia Nuova con canali, ponti e piccole piazze che ricordano la celebre Venezia. Probabilmente questo quartiere dà il meglio di sé nelle giornate e nelle sere d'estate, quando sono aperti i bar e i locali che si affacciano sui canali. Ad agosto è in programma la manifestazione Effetto Venezia Livorno con concerti, spettacoli e mostre.

© www.pennaevaligia.it

Sul lungomare di Livorno trovate numerosi bar e chioschi per mangiare il fritto misto prima di raggiungere Terrazza Mascagni, un vero e proprio balcone affacciato sul mare con la caratteristica pavimentazione a scacchiera bianca e nera (8.700 metri quadri, 34.000 piastrelle e 4.000 colonnine della balaustra).

© www.pennaevaligia.it

Lo splendore barocco della Certosa di Calci (ovvero la Certosa di Pisa)

A pochi chilometri da Pisa sorge la suggestiva Certosa di Calci, così bella nel suo splendore barocco da far cambiare nome alla valle in cui sorge: da “buia” a “graziosa”. Ospita due musei: il Museo Nazionale della Certosa monumentale di Calci e il Museo di Storia Naturale dell’Università di Pisa.

© www.pennaevaligia.it

Lucca: la città delle mura e delle mille chiese

Lasciata Pisa, arrriviamo a Lucca sotto una pioggia non forte ma insistente che ci obbliga a un giro sommario della città famosa per le mura (interamente percorribili a piedi) e per le mille chiese. Ne scegliamo due: il Duomo di San Martino e la Chiesa di San Michele. Andiamo anche a dare un'occhiata alla Torre Giunigi, famosa per il suo albero e la vista panoramica della città.

® riproduzione vietata

Leggi anche:
In Toscana tra Pisa, San Miniato, Lucca e la Certosa di Calci (prima parte)
La Val d’Orcia: paesaggi da cartolina tra cipressi, colline e casali
In Toscana tra Siena, Firenze, Volterra e San Giminiano
Livorno: luoghi e storie di una città di mare crogiuolo di culture, di Monica Fabiani (*)

 

Nessun commento ancora

Lascia un commento